il-lago-rosso-della-solforata-di-pomezia

 

Luoghi segreti a due passi da roma (3) - Il lago rosso nella cava della solfatara di Pomezia
Luoghi segreti a due passi da roma (3) – Il lago rosso nella cava della solfatara di Pomezia

Lago rosso di Pomezia: luoghi segreti a due passi da Roma (tre)

Chi non ha mai sentito parlare del lago rosso di Tovel in Trentino?

Che però solamente fino agli anni ’60 si tingeva parzialmente di rosso, per via delle alghe particolari che lo colonizzavano. Alghe che si sono estinte (forse, udite udite, perché è diminuito l’inquinamento!), e ora il lago non si arrossa più.

E chi ha mai sentito parlare del lago rosso all’interno della solfatara di Pomezia?

Sicuramente molto pochi!

Bene; esiste un lago parzialmente arrossato per via di particolari sostanze, che occupa il

 particolare del lago rosso della solforata di pomezia

particolare del lago rosso della solforata di pomezia

fondo di una cava gigantesca, che a sua volta è all’interno della località detta solfatara di Pomezia  (fenomeno eccentrico del vulcanismo dei colli albani  – da leggere a questo proposito il primo articolo di questa categoria: il tunnel nella lava dell’Artemisio – a .ca 15 KM dal grande raccordo anulare.  Proprio a due passi da Roma!). Nel parco di Decima Malafede.

lago rosso solforata particolare
lago rosso solforata particolare

E’ situato all’estremità sud della riserva naturale di Decima Malafede  http://it.wikipedia.org/wiki/Riserva_naturale_di_Decima-Malafede.

Sembra fosse un posto sacro ai Romani. L’accesso è in teoria proibito, essendo una proprietà privata, ed è comunque complesso.

Ed è vicino alla misteriosa grotta del Fauno, di cui parlo in un altro post.

Lasciata la macchina (o ancora meglio lasciata la bici, dopo che si è scesi dal treno alla stazione di Pomezia poco distante) sulla strada che dall’Ardeatina porta verso Pomezia, bisogna attraversare esili lembi di terra in mezzo agli acquitrini, saltare sulle rocce rese gialle dallo zolfo, e salire sulla collina più alta.

Arrivati in cima si apre improvvisamente dall’alto la vista del lago rosso per una parte della sua superficie:

tale visione è emozionante, soprattutto con il sole alto nel cielo. Mai visto, personalmente, nulla di simile.lago rosso pomezia dall'alto

Dopo che dall’alto si è compresa la complessa topografia della zona, si può provare a scendere e a raggiungere la riva arrossata del lago, per vederlo da un’altra angolazione particolarmente scenografica. 

Per inciso ci sono stato recentemente; e il fenomeno dell’arrossamento è molto meno visibile (forse per via delle piogge eccessive di quest’inverno). Ci tornerò il prossimo settembre  per vedere la situazione.

Troverete le informazioni, e le indicazioni per giungere in questo luogo fantastico, nel primo volume “Luoghi segreti a due passi da Roma“.

lago rosso solforata pomezia dall'alto
lago rosso solforata pomezia dall’alto

luigi plos

Di luigi plos

55 anni, con una figlia di 20, ho sempre avuto una grande passione per l’avventura, che ho cercato per molto tempo in alta montagna e, negli ultimi anni, vicino Roma. Fin da ragazzo rimasi infatti sorpreso dalla smisurata quantità di luoghi segreti a due passi da Roma. Così, dopo oltre vent’anni dedicati all’alpinismo e all’escursionismo di buon livello ho cominciato, nel 2011, a perlustrare in modo sistematico il territorio dove vivo (cosa che peraltro avevo sempre fatto), conoscendolo in modo sempre più approfondito. Questa conoscenza si è concretata in circa cinquecento articoli postati su questo blog, in cinque guide escursionistiche e tanto altro. Il tutto sempre inerente i luoghi sconosciuti e straordinari intorno alla capitale e il tutto intervallato da riflessioni su politica, ambiente, clima, energia (il risparmio energetico è l'altra mia occupazione).

18 pensiero su “Luoghi segreti a due passi da Roma Lago rosso di Pomezia”
  1. Carissimo Luigi, questa tua nuova ribrica è stupenda! Organizziamo delle gite domenicali insieme? Se si, quando vuoi… 🙂

  2. Grazie Angelo! Piuttosto quando puoi tu, ché sei l’uomo più impegnato del mondo.
    Sono in procinto di aggiungere numerosi altri luoghi segreti vicino a Roma, da me personalmente testati.

  3. In questa solfatara ci capitai per sbaglio tantissimo anni fa, saranno stati gli anni 70.

  4. Ciao, ho visto questo “lago” su google maps, sembra più nero che rosso e vicino se ne vede un altro simile ma bianchissimo. Mi sai dire di più? E’ tossico?

  5. ottimo metodo per creare allarmismi o dare informazioni false:
    “Non mi è sembrato essere particolarmente tossico. Ma non ne so più di tanto, pur essendomi avvicinato, visto che peraltro non ci sono praticamente informazioni a riguardo.”

    come ha fatto a decidere se il laghetto è tossico o no?
    cosa sa lei della tossicitò dell’acqua? quali tecniche utilizza?
    informazioni e studi scientifici sulla zolforata ce ne sono basta volerli cercare

  6. hallo Gaspo; grazie per il feedback. E provvedo subito a correggere il post! Per quanto questi articoli non hanno nessuna pretesa scientifica (quindi non vado a cercare studi scientifici), ma solo di dare suggestioni. A presto!

  7. Cara Silvia;
    sono stato corretto in merito al fatto che non ci sono praticamente info su questo lago. In realtà ce ne sono! Sono io che non mi sono preoccupato di cercarle!

I commenti sono chiusi.