le cascatelle dell'Arrone prima della mola di Galeria
scendendo dalla città morta al fiume
scendendo dalla città morta al fiume

La mola di Galeria.

24° fra i luoghi segreti a due passi da Roma descritti in questa categoria.

Quasi tutti conoscono Galeria, la suggestiva città morta a circa 12 KM dal GRA – fra la Braccianese e la Boccea – ancora all’interno del Comune di Roma.

L’impressione, sappiamo, è quella di trovarsi su un tamburo di roccia a picco da tutte le parti (a parte l’ingresso al borgo).

la mola di Galeria
la mola di Galeria

E quasi nessuno quindi, dopo aver girato per gli affascinanti ruderi, e schivato le buche talvolta nascoste dalla vegetazione, immagina si possa scendere al fiume, di cui pure si sente lo scrosciare. E perciò quasi nessuno nota una breccia nel muro di cinta, la supera, disarrampica per alcuni metri, scende un ulteriore ripido pendio e arriva sulla riva del sottostante fiume Arrone.

Ed è un peccato, perché il luogo è assolutamente magico. (Ah; in realtà ci si arriva anche senza disarrampicare, percorrendo in alternativa un tratto in mezzi ai rovi. A voi la scelta).

Per cominciare, tanto sono assolati e aperti a sud i prati antistanti la città, quanto è cupo e verso settentrione questo luogo. E il contrasto è straniante.

Dapprima si visita la riva orografica sinistra, quella più vicina al borgo,  alla quale si scende facilmente per una piccola tagliata.

la gola dell'Arrone dopo la mola di Galeria
la gola dell’Arrone dopo la mola di Galeria

Su questa troviamo gli incantevoli resti della mola di Galeria.

Si risale dunque per pochi metri il fiume Arrone, si percorre il ponte (attenzione: è senza protezioni), si scende sulla riva destra, ma solo se il fango e le scarpe adatte lo permettono, vista l’ estrema pendenza della costa che arriva al fiume.

Qui la visione è se possibile ancora più suggestiva rispetto alla riva sinistra: un mondo di cascatelle, di anfratti, di rovine che fanno tutt’uno con le rocce dello stesso colore; e poi i giochi di luce allorché i pochi raggi riescono a filtrare dalla fitta copertura vegetale.

l'Arrone sta per entrare nella gola
l’Arrone sta per entrare nella gola

 

Il tutto estremamente romantico, e molto da pittore paesaggista del 1800.

Trovate le indicazioni per giungervi nella seconda delle due guide “Luoghi segreti a due passi da Roma“.

 

 

 

 

 

 

 

 

Si può arrivare fin dove l’Arrone entra spumeggiando in una piccola forra rocciosa, per continuare il suo corso che dal lago di Bracciano fluisce verso il mare, e che va ad attraversare, prima della foce, la valle dell’Arrone con le sue opere idrauliche antichissime e  la riserva naturale detta appunto dell’Arrone, gestita dal WWF.

la cascate dell'Arrone prima della mola di Galeria

luigi plos

Di luigi plos

55 anni, con una figlia di 20, ho sempre avuto una grande passione per l’avventura, che ho cercato per molto tempo in alta montagna e, negli ultimi anni, vicino Roma. Fin da ragazzo rimasi infatti sorpreso dalla smisurata quantità di luoghi segreti a due passi da Roma. Così, dopo oltre vent’anni dedicati all’alpinismo e all’escursionismo di buon livello ho cominciato, nel 2011, a perlustrare in modo sistematico il territorio dove vivo (cosa che peraltro avevo sempre fatto), conoscendolo in modo sempre più approfondito. Questa conoscenza si è concretata in circa cinquecento articoli postati su questo blog, in cinque guide escursionistiche e tanto altro. Il tutto sempre inerente i luoghi sconosciuti e straordinari intorno alla capitale e il tutto intervallato da riflessioni su politica, ambiente, clima, energia (il risparmio energetico è l'altra mia occupazione).

2 pensiero su “La mola di Galeria”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.