La grotta di Battilocco - Introduzione alla guida "L'avventura fa 90"

Gli ultimi tre itinerari della prossima guida sono tutti e inediti e tutti con il botto, come state per leggere.

Il tutto grazie anche alla supervisione del Lucumone Massimo dei Monti della Tolfa e dintorni: Super Pierpaolo Padovani.

Lungo la Lenta presso la grotta di Battilocco

Parcheggiato non lontano da Manziana, scendiamo in pochi minuti lungo la Lenta, un piccolo fiume eppure, nonostante l’apparente scarsa portata, perenne.

Ci troviamo subito in un mondo incantato di massi scolpiti dall’uomo e dalla natura, di cascatelle, di ombre e luci e, soprattutto dotato di una grotta sorprendente molto Conan il Barbaro.

Questa grotta ha la prerogativa di essere, perlomeno al giorno d’oggi (ma probabilmente anche in passato)

invisibile percorrendo il fiume e di essere stata di certo frequentata per migliaia di anni.

La grotta di Battilocco

I luoghi da vedere sono tanti e l’escursione più lunga del previsto, anche se in realtà percorriamo un tratto abbastanza breve.

E qui necesse una riflessione.

Mi capita spesso, cercando luoghi segreti, di avere l’impressione di percorrere distanze enormi, quando, invece, faccio magari poche centinaia di metri.

Il Picco del Gufo. A poca distanza dalla grotta di Battilocco

Il fatto è che cento metri in ambiente selvaggio, come in questo caso la stretta e sconnessa valle della Lenta, con acqua, ostacoli, dove ci si ferma in continuazione per decifrare il paesaggio, ammirare, individuare esili tracce dove passare, equivalgono a un percorso molto più lungo in ambiente più agevole.

Ed è impressionante vedere su Google Earth (una volta zoomato) il percorso che abbiamo appena fatto, magari questo lungo la Lenta: 42.088608, 12.070155.

Vista dall’alto, la nostra escursione, che può durare anche alcune ore, si è svolta in uno stretto e corto lembo verde scuro, totalmente circondato da terreno più chiaro (altipiani e coltivi).

Lungo la Lenta presso la grotta di Battilocco

Di luigi plos

56 anni, con una figlia di 21, ho sempre avuto una grande passione per l’avventura, che ho cercato per molto tempo in alta montagna e, negli ultimi anni, vicino Roma. Fin da ragazzo rimasi infatti sorpreso dalla smisurata quantità di luoghi segreti a due passi da Roma. Così, dopo oltre vent’anni dedicati all’alpinismo e all’escursionismo di buon livello ho cominciato, nel 2011, a perlustrare in modo sistematico il territorio dove vivo (cosa che peraltro avevo sempre fatto), conoscendolo in modo sempre più approfondito. Questa conoscenza si è concretata in circa cinquecento articoli postati su questo blog, in cinque guide escursionistiche e tanto altro. Il tutto sempre inerente i luoghi sconosciuti e straordinari intorno alla capitale e il tutto intervallato da riflessioni su politica, ambiente, clima, energia (il risparmio energetico è l'altra mia occupazione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.