Sette cave misteriose a due passi da Roma

cave misteriose - fra le solfatare di Sacrofano

cave misteriose – fra le solfatare di Sacrofano

Quando pensiamo alle cave, ci vengono in mente luoghi degradati con camion rumorosi che vanno e vengono.

E questo è vero. Le cave devastano regolarmente luoghi molto belli.

Basti pensare a come doveva essere la solforata di Pomezia, prima che venisse aggredita da un cava di zolfo.

Un cenno di storia: le cave, come gli acquedotti, in particolare durante l’impero romano, erano una vera e propria industria.

Un’organizzazione logistica perfetta, strutturata in modo ferreo, una filiera di cavatori, battellieri, facchini, carrettieri ecc., ognuno con le competenze progettuali e tecniche necessarie allo scopo.

Cave misteriose vicino Roma - le cave del fosso del Drago

Cave misteriose vicino Roma – le cave del fosso del Drago

E, come per gli acquedotti, anche per quanto riguarda l’estrazione di minerali e di materiale da costruzione i romani si ispirarono agli etruschi che, nel golfo di Baratti, in Toscana, avevano peraltro attivato quello che è considerato il più grande centro minerario dell’antichità.

Ma perché dico ciò?

Perché, e questo è il mio cruccio, i popoli che hanno abitato il nostro paese, hanno saputo nei millenni creare filiere industriali senza pari a complemento del genio dei loro artisti e artigiani, come l’Arsenale di Venezia, il più grande complesso produttivo al mondo per un lunghissimo tempo.

Poi un’idea malata di sviluppo, volto a un settore semplice e grezzo come l’edilizia, in cui è facile fare i soldi quando l’economia “gira”, ha favorito l’apertura quasi indiscriminata di molte cave.

Peccato che, quando il ciclo economico si inverte e l’edilizia va in crisi, ci mettano un amen a dismettere le cave, senza che la classe politica abbia pensato a modelli di sviluppo alternativi all’edilizia.

Cave misteriose vicino Roma - copertina magazine regione Lazio con le cave del fosso del Drago

Cave misteriose vicino Roma – copertina magazine regione Lazio con le cave del fosso del Drago

Per esempio si guardano bene dal favorire un piano di riassetto idrogeologico e di efficientamento energetico, ovvero investimenti che darebbero un valore aggiunto moltiplicativo alla collettività e in più farebbero  lavorare tante piccole e medie imprese e tanti lavoratori qualificati.

Ma, si sa, le banche non possono fare i loro giochetti con le piccole opere sul territorio o con interventi mirati di risparmio energetico. Hanno bisogno di grandi opere da utilizzare come collaterale per le speculazioni finanziarie.

Oltretutto i banchieri sono pigri e non vogliono faticare per capire modelli produttivi più complessi e granulari come piccole opere di risparmio energetico ecc.

A loro interessano invece i modelli finanziari e, di concerto con la classe politica, interessa il mantenimento status-quo e le posizioni di potere esistenti.

Detto questo, è proprio l’abbandono che rende molte di queste cave estremamente suggestive, a cominciare da quelle famose come le cave di Cusa e di Siracusa (le celebri latomie).

Cave misteriose vicino Roma - cave di Grotta Oscura

Cave misteriose vicino Roma – cave di Grotta Oscura

Nel tempo ho ri-scoperto sette cave vicino Roma, che ho descritto nei tre volumi “Luoghi segreti a due passi da Roma

  1. le cave del fosso del Drago
  2. i laghi della Mercareccia 
  3. le cave di Salone
  4. il lago di Vallerano (sul fondo di una cava sulla via Laurentina appena fuori del GRA).
  5. i laghi della Marcigliana
  6. le solfatare di Sacrofano
  7. le cave di grotta Oscura

Ah! E poi ce un ottavo complesso di cave, non incluse nelle tre guide, ovviamente, stupefacenti anch’esse, le cave di Riano, da poco tempo scoperte.

Molte cave, venute a contatto con le falde, hanno il fondo colmato da laghi, che rendono l’ambiente ancora più suggestivo.

A proposito qual è la mia cava preferita? Questa domanda è veramente complessa: sono tutte e sette diversamente suggestive.

Eppure ce n’è una, che unisce l’incanto delle cave abbandonate a quello delle grotte: si tratta delle cave di Grotta Oscura.

Cave misteriose vicino Roma - panorama dei laghi delle Cave

Cave misteriose vicino Roma – panorama dei laghi delle Cave

Entrandovi, avvertiamo sensazioni arcane, come quelle provate nelle gallerie etrusche di Formello e nel Ponte Coperto di Ceri, dove anche l’opera dell’uomo in duemila anni si è fusa con la natura e ha reso uniche le cave di grotta Oscura.