La mola di Magliano

mola di Magliano la prima cascat

mola di Magliano la prima cascat

Per questo luogo segreto a due passi da Roma ci troviamo ai confini fra il Parco di Veio e la riserva naturale del Treja, lungo il corso del Fosso della Mola di Magliano, un tributario del Treja, che nasce nel parco di Veio e va a finire appunto nel Treja, non lungi da Calcata.

Siamo a circa 24 KM dal Grande Raccordo Anulare.

Il luogo è, come sempre nell’ambiente dei fossi dell’alto Lazio, splendido. E ricorda la mola di Galeria, sebbene qui le cascate siano molto più imponenti, e la Mola di Formello.

Come nel caso della mola di Galeria e di quella di Formello, e come anche nel caso di Mola Paradisi e Mola di Sopra (queste ultime descritte in un altro post),  si tratta di edifici posti lungo corsi d’acqua (rispettivamente l’Arrone, il Crèmera, il Fosso di S.Antonino e appunto il fosso della Mola di Magliano) che, pur essendo relativamente brevi, con bacini idrografici modesti, e a bassa quota, sono incredibilmente ricchi di acqua perfino in piena estate. Anche perché immagino non avrebbero costruito tali mole in posti senza acqua corrente perenne.

mola di Magliano l'inizio del piccolo canyon

l’inizio del piccolo canyon

la cascata terminale del piccolo canyon e la seconda cascata

la cascata terminale del piccolo canyon e la seconda cascata

Per inciso la Mola di Magliano

dista poco dalla lussureggiante Macchia di Roncigliano, un bosco integro e magnifico, ahimé privato. Confesso che un giorno, roso dalla curiosità, scavalcai un cancello (era una mattina di domenica quasi all’alba) e mi inoltrai lungo i sentieri di questa selva ammagliante, finché latrati di cani lontani mi fecero desistere dal continuare, e magari arrivare al centro di questo bosco di quasi 1000 ettari, per individuare i resti del piccolo borgo medievale di Nuciglianum.

Cessando di divagare, come potete vedere nelle foto, la Mola di Magliano in trova in un posto incantevole:

una prima cascata si getta in un laghetto, dal quale esce un piccolo canyon che finisce ripidamente in un’altra ansa del fiume. E qui appare la seconda cascata incassata fra le scure rocce e i resti della mola, a formare  uno dei caratteristici paesaggi tanto cari a Ettore Roesler Franz. Paesaggi che si vogliono distruggere con il delirante progetto di una discarica nel territorio di Magliano Romano.

Mola di Magliano la seconda cascata

Mola di Magliano la seconda cascata

Troverete informazioni dettagliate su come giungere in questo luogo splendido nella prima delle due guide “Luoghi segreti a due passi da Roma”: http://amzn.to/2dPEJsG

la mola di Magliano

la mola di Magliano

luigi plos

Commenta da Facebook