Il mausoleo di monte dell’Incastro

Nel mausoleo di monte dell’Incastro.

nel mausoleo di monte dell'Incastro

nel mausoleo di monte dell’Incastro

Ma tu guarda se, proprio accanto alla terza città più grande del Lazio (Guidonia, quasi 90.000 abitanti), a pochi metri da una zona residenziale e dalla riserva dell’Inviolata, e a pochi chilometri dal GRA, si deve trovare un sito che risponde ai requisiti necessari, perché un luogo vicino Roma sia segreto. Ovvero:

  • è quasi del tutto sconosciuto. Spesso anche agli abitanti dei dintorni;
  • non è generalmente indicato nelle guide escursionistiche più comuni;
  • non ci arriva alcun sentiero segnato;
  • l’ubicazione non è semplice da individuare;
  • è vicino a Roma (non più di 30 KM dal GRA);
  • è sufficientemente suggestivo.

Ma veniamo a noi.

Esternamente la meta di questa escursione è una delle tante collinette verdi della campagna romana. Poi, avvicinandosi, sotto un albero, si nota una galleria.

l'apertura simil Pantheon del mausoleo di monte dell'Incastro

l’apertura simil Pantheon del mausoleo di monte dell’Incastro

Vi si entra curvi finché, nel punto più stretto, meno di cinquanta centimetri di diametro, si può continuare solo strisciando e con una torsione del busto per superare la strozzatura.

Passata la strettoia la galleria si allarga, ci si può rimettere in piedi e giungere in un grande ambiente circolare.

E qui si rimane senza fiato: la visione dei resti dei mosaici, i due absidi, la luce che entra dai due fori di cui uno sulla sommità della volta.

Tutto dà una bellezza irreale.

Peraltro si tratta della stessa tecnica del Pantheon.

Baia (NA) - simile al mausoleo di monte dell'Incastro

Baia (NA) – simile al mausoleo di monte dell’Incastro

In realtà, più del Pantheon romano, questo sito, per il finestrone laterale dal quale anche prende luce, ricorda la sala grande del complesso termale di Baia, vicino Napoli, un altro luogo straniante a sufficienza.

Tornati alla luce dei campi coltivati, e quindi alla realtà, si potrebbe uscire di nuovo dalla realtà ed entrare in un altro ambiente onirico, ovvero un altro sito ipogeo, altrettanto stupefacente e poco distante, la chiesa di S. Nicola, per inciso descritta nel secondo volume dei “Luoghi segreti a due passi da Roma“.

Nel mausoleo dei monti dell'Incastro

Nel mausoleo dei monti dell’Incastro

Commenta da Facebook